Psicologo Milano | Psicoterapeuta iscritto Ordine Psicologi Lombardia n.16388

Ricevo in zona Navigli a Milano | mail: simone.curto@icloud.com | telefono: 339.30.91.931

Top
Verso l'Autorealizzazione | Psicologo Milano Simone Curto
fade
4241
post-template-default,single,single-post,postid-4241,single-format-standard,eltd-core-1.1.2,flow-ver-1.4,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-header-style-on-scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Verso l’Autorealizzazione

Verso l’Autorealizzazione

Autorealizzazione

 

Dal trauma alla carenza

 

Già all’inizio degli anni ’40 studiosi come Fairbairn, Balint e Sullivan, e nei decenni successivi Winnicott, Anna Freud, Kohut e Bowlby avevano avuto il merito di trovare alternative di comprensione della genesi psicopatologica riconducibili a fattori di carenza dell’ambiente piuttosto che ad eventi di natura traumatica  più proprie ad una visione di stampo psicoanalitico.

 

Dalla persona all’ambiente

 

Le tradizionali considerazioni di natura rigorosamente intrapsichica finirono per lasciare il posto a un modello esplicativo in cui la relazione e l’ambiente trovavano il proprio spazio di discussione e alla nascita dei primi modelli di stampo relazionale, in cui i concetti di normalità e psicopatologia finisco per essere ancora correlati al soddisfacimento dei bisogni primari di fiducia e sicurezza dell’’individuo.

 

Dalla Guarigione all’Auto-Realizzazione

 

Per questa visione oltre all’universo familiare e sociale, la sofferenza può derivare dall’inibizione di un libero rapporto con l’esistenza per una carente espressione libera di sé, dei propri valori, talenti e della propria creatività. L’adattamento individuale non basta, anche se è esso stesso parte del cammino verso il processo di auto-realizzazione. Il processo di evoluzione riguardo lo sviluppo di un Io Maturo che ha soddisfatto l’appagamento dei bisogni di crescita ed autorealizzazione. La guarigione richiede il coraggio di esistere con le proprie idee e i propri valori, il superamento del conformismo e dell’adattamento acquisito per esistere secondo la propria reale natura, indipendentemente dalla conferma altrui e da alcune sicurezze fin qui conquistate.

 

Nella prospettiva transpersonale

 

Questa visione, che in sintesi attribuiamo all’opera di Abraham Maslow e Carl Rogers ci ricorda (De Luca A. (2018) Dispensa, Psicopatologia: Evoluzione dei modelli in psicopatologia) il definitivo superamento della visione meccanicistica dell’uomo, tipica della psicoanalisi e del comportamentismo, nella prospettiva di accedere ad una dimensione integrale del Sé la cui meta ultima rimane l’auto-realizzazione, diventare tutto ciò che si è capaci di essere.

Call Now ButtonChiama Ora!